Certificazione per infortunio e malattia professionale

Infortunio e malattia professionale. Obbligo per tutti i medici di certificazione e trasmissione telematica. Ma Fnomceo chiede proroga: “Criticità applicative”
Il presidente Chersevani ha scritto al Ministro Poletti evidenziando le criticità applicative della norma (art.21 Dlgs 151/15) che prevede che “qualunque medico presti la prima assistenza a un lavoratore infortunato sul lavoro o affetto da malattia professionale è obbligato a rilasciare certificato ai fini degli obblighi di denuncia di cui al presente articolo e a trasmetterlo esclusivamente per via telematica all'Istituto assicuratore”.

LA LETTERA

Tabella farmaci apporopriatezza prescrittiva farmaci per l'ASMA e BPCO

Nell’allegata tabella sono indicati i farmaci che consentono un’appropriatezze economica e clinica nella prescrizione dei farmaci per la cura della BPCO

Tabella farmaci

Nota regionale a firma del dr. Gorgoni

Condizioni di erogabilità e indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza ambulatoriale erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale", pubblicato in GU, Serie generale n. 15 del 20 gennaio 2015.

Leggi la nota completa

Richiesta provvedimenti inviata agli Ordini professionali della Puglia

Gentili Colleghi,
in allegato alcuni documenti che individuano gli obblighi di tutti i “prescrittori” rispetto all’utilizzo del ricettario del SSN o della ricetta dematerializzata.
L’Ordine Professionale deve vigilare affinchè tutti i medici abbiano pari dignità davanti alle norme che regolamentano gli obblighi professionali.

Leggi tutto...

Verbale CPR 01-02-16io

La Regione Puglia accoglie non è pronta per applicare il “Decreto appropriatezza”
 

Consulente fiscale SNAMI Puglia

Dott.ssa De Donno Carola

Via Tito Sallustio  n. 4
73020 Cavallino (LE)

cell 335.8020335
studio 0832.344064

esercizio della libera professione come dottore Commercialista  dal 1986;
iscritta all'albo dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Lecce 

I medici protestano contro il Decreto Appropriatezza

il Ministro Lorenzin ha emanato (G.U. del 20 gennaio scorso) un Decreto che priva Voi Assistiti della possibilità di curarvi come avete fatto fino ad oggi e mette noi Medici nelle condizioni non di tutelare come sempre e liberamente la Vostra salute, ma di vigilare che ogni domanda sia inquadrata secondo regole di tutela del DENARO PUBBLICO la cui spartizione avviene secondo opinabili logiche ovvero non con lo stesso rigore.

Manifesto sul Decreto di appropriatezza

AIFA : politica del farmaco - Indicatori di percorso

Appropriatezza prescrittiva e aderenza alle terapie. Il quadro emerso dagli indicatori OsMed per alcune aree terapeutiche

http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/appropriatezza-prescrittiva-e-aderenza-alle-terapie-il-quadro-emerso-dagli-indicatori-osmed-

L’AIFA è impegnata a livello nazionale e comunitario a promuovere l’appropriatezza prescrittiva e l’aderenza alle terapie, due profili di grande rilevanza sia per l’efficacia e la sicurezza dei trattamenti farmacologici sia per l’efficiente allocazione delle risorse del Servizio Sanitario Nazionale.

Leggi tutto...

L’indennità di accompagnamento

L’indennità di accompagnamento è una misura assistenziale pensata per tutti i cittadini, di qualsiasi età e a prescindere dal reddito. Come prevede la legge 18/90 essa ha due  presupposti: l’impossibilità a camminare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o l’incapacità a svolgere tutti gli atti quotidiani della vita come alimentarsi, prepararsi i cibi,  provvedere alla propria igiene personale, vestirsi e andare a dormire. La Corte Suprema ha dunque stabilito che l’indennità di accompagnamento spetta anche al paziente in chemioterapia se la tipologia dei dosaggi, la durata della terapia e gli effetti di questa sul paziente sono tali da renderlo incapace a camminare da solo o a svolgere gli atti quotidiani della vita per tutto il periodo del trattamento. Il soggetto interessato può dunque proporre domanda all’INPS per ottenere l’indennità di accompagnamento con riferimento specifico al periodo in cui si è sottoposto alle cure. Nel caso di reiezione della domanda amministrativa gli resta sempre la possibilità di ottenere la tutela descritta rivolgendosi entro sei mesi al giudice del lavoro.

Approfondisci

INAPPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

Non necessariamente il mancato raggiungimento di un obiettivo di spesa deve essere associato alla violazione delle norme del Codice deontologico o di quelle dell’ACN. Più precisamente,

Approfondisci

ATTIVITA’ DELLE SEZIONI PROVINCIALI

Sezione SNAMI di Bari
Sezione SNAMI di Brindisi
Sezione SNAMI di BAT
Sezione SNAMI di Foggia
Sezione SNAMI di Lecce
Sezione SNAMI di Taranto

Corriere Medico

Modulo d'iscrizione

Scarica il modulo d'iscrizione, compilalo e consegnalo agli sportelli preposti.

Agenda Snami Puglia