DGR n. 240/2013. Piano di diffusione della ricetta dematerializzata in Regione Puglia. Disposizioni attuative

Come noto, con D.M. 2/11/2011, in applicazione dell'art. 11, co. 16, del D.L. n. 78/2010, convertito con L.n. 122/2010, è stato approvato il disciplinare tecnico per la dematerializzazione della ricetta medica ed è stato stabilito che la diffusione, presso le singole Regioni, della ricetta dematerializzata sia definita mediante accordi specifici tra il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), il Ministero della Salute (MdS) e le singole Regioni, tenuto conto delle infrastrutture regionali già realizzate.

Scarica il documento

Regolamento per le Prescrizioni ed il Monitoraggio in materia di Assistenza Sanitaria, in applicazione dell'art. 15 - decies del D.lgs. 502/92 e successive modificazioni, del c. 4 dell'art. 1 della l. 425/96 e della l. 405/01.

Scopo del presente atto di indirizzo e coordinamento è la definizione di linee guida e di prime misure uniformi in materia di formazione, informazione ed appropriata prescrizione delle prestazioni mediche, farmaceutiche, specialistiche ed ospedaliere finalizzate all'integrazione comprensoriale dell'assistenza sanitaria in esecuzione della Delib.G.R. 15 luglio 1999, n. 1003 e delle linee di programmazione definite
dal Piano Sanitario 2002-2004 di cui alla Delib.G.R. 27 dicembre 2001, n. 2087.

Approfondisci

Linee Guida per la corretta prescrizione dell’Ossigenoterapia Domiciliare

Il Servizio Sanitario Regionale provvede alla ossigenoterapia in favore dei pazienti affetti da insufficienza respiratoria, con ossigeno gassoso, ossigeno liquido e concentratori di ossigeno.

Leggi le Linee Guida

Linee guida per la prescrizione e la prenotazione, secondo criteri di priorità, delle prestazioni specialistiche ambulatoriali

I Piani Regionali per il Governo delle Liste d’Attesa, sinora adottati dalla Regione Puglia, hanno fornito alle Aziende Sanitarie indirizzi per la gestione delle liste d’attesa, sottolineando, in particolare, l’importanza di assicurare appropriatezza alla domanda di prestazioni e, contemporaneamente, di correlare gli accessi a criteri di priorità in relazione ai bisogni clinico-assistenziali degli utenti.

Linne guida prescrizioni

Corte d’Appello di Napoli (MMG: indennità di collaborazione informatica)

Una azienda sanitaria campana ha proposto opposizione contro il provvedimento del tribunale che le aveva ingiunto il pagamento di una somma a titolo di indennità informatica in favore di un MMG convenzionato. L’Ente ha dedotto a sudifesa la non immediata applicabilità della normativa non essendo intervenuto uno specifico accordo tra l’azienda e il medico. L’opposizione è stata rigettata e avverso la sentenza di primo grado l’ASL ha proposto appello.

Approfondisci

L’indennità di accompagnamento

L’indennità di accompagnamento è una misura assistenziale pensata per tutti i cittadini, di qualsiasi età e a prescindere dal reddito. Come prevede la legge 18/90 essa ha due presupposti: l’impossibilità a camminare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o
l’incapacità a svolgere tutti gli atti quotidiani della vita come alimentarsi, prepararsi i cibi, provvedere alla propria igiene personale, vestirsi e andare a dormire.

Leggi tutto l'articolo

Farmaci: dagli indicatori di consumo agli indicatori di percorso

Si passa da un sistema che identifica come inappropriato un uso dei farmaci che induce un consumo in eccesso (o in difetto) rispetto al consumo medio, a un sistema che identifica come inappropriato un uso dei farmaci effettuato al di fuori delle raccomandazioni per cui ne è stata sperimentata l’efficacia o concessa la rimborsabilità

Approfondisci

Condizioni di erogabilità e indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza ambulatoriale ero- gabili nell’ambito del Servizio sanitario nazionale.

Il decreto individua le condizioni di erogabilità e le indicazioni di appropriatezza prescrittiva delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale erogabili nell’ambito del Servizio sanitario nazionale di cui al decreto ministeriale 22 luglio 1996.

Leggi tutto il decreto

Un parere autorevole sul “Decreto appropriatezza”

Il decreto non è una risposta appropriata alle dinamiche della medicina difensiva Vitulia Ivone, docente di Istituzioni di diritto privato, Università di Salerno

Scarica il documento

Pagina 3 di 4

INAPPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

Non necessariamente il mancato raggiungimento di un obiettivo di spesa deve essere associato alla violazione delle norme del Codice deontologico o di quelle dell’ACN. Più precisamente,

Approfondisci

ATTIVITA’ DELLE SEZIONI PROVINCIALI

Sezione SNAMI di Bari
Sezione SNAMI di Brindisi
Sezione SNAMI di BAT
Sezione SNAMI di Foggia
Sezione SNAMI di Lecce
Sezione SNAMI di Taranto

Corriere Medico

Modulo d'iscrizione

Scarica il modulo d'iscrizione, compilalo e consegnalo agli sportelli preposti.

Agenda Snami Puglia